amate i vostri nemici

« Sanremo, la canzone dei Modà e Emma Marrone è un plagio? | Homepage | Salvato 84enne rimasto bloccato in ascensore per un intero giorno »

22/02/2011

Amate i vostri nemici

crocifissione.jpg+ Dal Vangelo secondo Matteo (Mt 5,38-48)
Avete inteso che fu detto: Occhio per occhio e dente per dente; ma io vi dico di non opporvi al malvagio; anzi se uno ti percuote la guancia destra, tu porgigli anche l’altra; e a chi ti vuol chiamare in giudizio per toglierti la tunica, tu lascia anche il mantello. E se uno ti costringerà a fare un miglio, tu fanne con lui due. Dà a chi ti domanda e a chi desidera da te un prestito non volgere le spalle.
Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti.
Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste.

Riflessione:
Salve fratelli, che la pace di nostro Signore Gesù Cristo sia con tutti voi! Questo brano tratto dal Vangelo di Matteo è uno di quelli che si commenta un po’ da solo, per cui mi limiterò solo ad alcune piccole precisazioni e riflessioni personali, per il resto lascio che sia lo Spirito Santo a guidarvi.
Innanzitutto, vorrei smentire la credenza comune che noi cristiani siamo un po’ gli stupidi della situazione che si lasciano maltrattare in maniera passiva. Questo non è pienamente vero, perché in tal caso ciò significherebbe che in un certo senso Gesù dubiti delle nostre capacità e ci vuole tutti, per così dire, deficienti. Invece non è affatto così, anche perché in altri passi ci viene detto:

“Quando vi condurranno davanti alle sinagoghe, ai magistrati e alle autorità, non preoccupatevi come discolparvi o che cosa dire; perché lo Spirito Santo vi insegnerà in quel momento ciò che bisogna dire” (Lc 12,11-12)

“Carissimi, non vogliate credere a ogni spirito, ma esaminate gli spiriti per conoscere se sono da Dio; poiché molti falsi profeti sono venute nel mondo” (1Gv 4,1)

proprio a testimonianza del fatto che Dio, attraverso la potenza dello Spirito Santo, ci rende capaci di grandi cose perché Egli esalta le nostre qualità.
Gesù invece non fa altro che esortarci alla benevolenza, sostituendo alla legge del taglione (purtroppo ancora in voga in molte parti del mondo d’oggi) la legge dell’amore:

“Allora Pietro gli si avvicinò e gli disse: «Signore, quante volte dovrò perdonare al mio fratello, se pecca contro di me? Fino a sette volte?». E Gesù gli rispose: «Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette»” (Mt 18,21-22).

Non dobbiamo, quindi, serbare rancore in noi verso il fratello, anche quando ci ha fatto del male, allo stesso modo in cui Gesù perdonò le persone che lo stavano facendo crocifiggere. La novità del messaggio di Gesù, rispetto alle tante dottrine che circolano in giro, sta proprio in questo: sforzarsi ad amare e pregare per i propri nemici.
In questo si raggiunge la perfezione di Dio Padre, che ama allo stesso modo i fedeli ed i peccatori, perché anche gli assassini più spietati, anche le persone più crudeli di questo mondo, amano le persone che li amano; su questa cosa, noi cristiani, se non volessimo ascoltare questo messaggio, in cosa saremmo differenti da loro?
Lo so che non è sempre cosa facile. Io stesso sono fatto di carne come voi e molto spesso provo ostilità verso chi non mi accoglie o chi in un certo senso prova ad ostacolare la mia vita. Ma per realizzare questo insegnamento non sono e non siamo soli: abbiamo la preghiera, abbiamo lo Spirito Santo pronto a sostenerci e che non ci abbandona mai qualora chiediamo il Suo aiuto.
Se almeno non ci provassimo, cosa ne guadagneremmo?

Se ti è piaciuto questo post, clicca sul pulsante qui sotto e fallo leggere ai tuoi amici:
Condividi69

Commenti

Bella riflessione, nando, concisa e diretta! Bravo!

Scritto da: Giuseppe Lubrino | 22/02/2011

I commenti sono chiusi

Original Text:

Mostra traduzioni alternative

Informazioni su castro2012

tipo informatico
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...